Menu categ negozi fatto con wp

Museo Archeologico

Presentazione
Il Museo ha la sua sede presso la sala delle Conchiglie, al piano terreno della settecentesca Villa Adele, che è il cuore delle iniziative culturali della città.

Il Museo Civico Archeologico è stato fortemente voluto con l’intento di far riscoprire alla città di Anzio le testimonianze della sua antica civiltà, le sue radici storiche e le sue peculiarità tradizionali.

La conclusione del progetto di allestimento, dopo anni di lavoro, grazie alla collaborazione della Soprintendenza archeologica del Lazio, e dell’Architetto Jaia, consulente archeologo per il Comune, è un traguardo di grande valenza artistica, storica e archeologica.

E’ dunque il naturale “prolungamento” del percorso archeologico di cui fanno parte anche il Parco della Villa Imperiale, detta di Nerone, ed altre aree presenti in città.

Nelle otto sale del Museo, si snoda un percorso che va dalla nascita della città dal IX secolo Avanti Cristo fino ai ritrovamenti più importanti nel periodo delle ville cardinalizie. Al suo interno si possono trovare frammenti di coppe, di urne funerarie, unguentari, sarcofagi, un antico pettine di bronzo, nonché capitelli di età medievale e imperiale e pannelli illustrativi delle ville dei cardinali di Anzio.

Sala I
Parte introduttiva, geomorfologia del territorio e nascita della città, periodo arcaico, Anzio indipendente, dalla fine del IX secolo avanti Cristo al III secolo avanti Cristo.

Sala II
Gigantografia con foto aerea di tutti i monumenti visibili e non di Anzio, materiali marmorei e ceramici di età romana.

Sale III – IV
Attività più comuni ed espressioni artistiche della città antica, marmi, urne, sarcofagi funerari, iscrizioni su marmo, piombo e terracotta di età imperiale romana.

Sala V
Porto e attività marinara con tutti i ritrovamenti sottomarini.

Sala VI
Villa Imperiale e ville di Anzio, ciclo di intonaci dipinti che saranno esposti per la prima volta, dorso e statua ritrovate in mare nel ’94 esposte per la prima volta, marmi.

Sale VII-VIII
Fortuna di Anzio, rinascita della città, documenti di archivio e trattati sui ritrovamenti più.

Messaggio del sindaco di Anzio dr. Candido de Angelis per l’inaugurazione del Museo
La Fanciulla d’Anzio torna nella “sua” città in occasione dell’inaugurazione del Museo Civico Archeologico. Idea lontana, quella del museo, concepita già negli anni Trenta e finalmente realizzata, grazie alla tenace determinazione dell’Amministrazione Comunale.
Negli ultimi anni il Comune di Anzio si è impegnato in un organico programma di valorizzazione delle antichità anziati, nel quadro di un più generale rilancio delle risorse culturali della città. Tra gli obiettivi raggiunti: la riapertura al pubblico dell’area archeologica della villa imperiale; l’acquisizione di terreni su cui insistono rilevanti emergenze archeologiche; il sostegno ad iniziative scientifiche tese ad approfondire la conoscenza del patrimonio archeologico della città, quali ad esempio le indagini subacque nell’area del porto neroniano.
Con l’istituzione del nuovo Museo Civico Archeologico di Anzio, ospitato nella seicentesca Villa Pamphily, si chiude la prima fase del progetto di valorizzazione.
Il nuovo museo, non solo avrà funzioni di raccordo tra i diversi poli di visita della città, ma potrà costituire un punto di riferimento per il movimento turistico della costa laziale ed offrire a tutti i cittadini di Anzio la possibilità di approfondire la conoscenza della storia più antica della città.
Al contempo si apre un nuovo significativo capitolo: l’Amministrazione Comunale è già impegnata nella prosecuzione dell’opera di valorizzazione del parco archeologico della villa imperiale e in nuovi progetti relativi al porto neroniano, al teatro romano, al complesso archeologico di via Tripoli. Inoltre, diverse istituzioni universitarie sono interessate a sostenere tali imprese e ad investire nella ricerca archeologica nel territorio di Anzio.
Ma grazie alla creazione del Museo Civico Archeologico, concepito anche come vero e proprio centro di documentazione, ogni cittadino potrà contribuire all’ampliamento delle conoscenze sulla antica Antium con documenti, immagini, informazioni, ricordi ed oggetti, che possano aiutare la città a ricostruire e a divulgare il mosaico frammentato della sua storia.

 

Dove si trova, come si raggiunge, orari di visita, parcheggi

Se vi trovate nel centro della città potete utilizzare l’ingresso di Villa Adele sito in piazza C. Battisti, quindi attraversare tutto il parco e giungere all’edificio che ospita il Museo.

Se invece vi trovate alla Stazione ferroviaria percorrete viale Paolini verso il centro, incontrerete alla vostra destra l’Istituto delle Suore Filippine, superata la loro Chiesa girate a sinistra in Via di Villa Adele e dopo circa 50 metri incontrerete il grande cancello di Villa Adele superato il quale vi troverete dinanzi l’edificio principale della villa. Prendete il vialetto alla vostra sinistra e, dopo pochi metri incontrerete l’ingresso del Museo.

Parcheggi
Disponibili in Via di Villa Adele, Viale Paolini, Via degli Elci.

 

 

 Fotogalleria del Museo Civico Archeologico

City Tour Musei

Articoli Correlati

Invia ad un Amico

Verifica Captcha
captcha image

Fai Una Domanda

Verifica Captcha
captcha image

TuttoAnzio.it

Benvenuti su TuttoAnzio.it il portale della città! Il modo migliore per scoprire la storia e le bellezze della città ma non solo... Scopri le migliori offerte commerciali di Anzio e dintorni: offerte speciali, omaggi, sconti, dove mangiare bene spendendo il giusto, dove fare la spesa al prezzo più basso possibile, ed ancora molto altro! Seguici anche su Facebook, clicca sul bottone "Mi Piace" ed entri nel nostro Club per essere sempre informato ed approfittare delle migliori offerte! Inoltre se vuoi ricevere direttamente le informazioni nella tua casella di posta, iscriviti alla nostra Newsletter!

Novità